Una relazione che cresce

Pochi sanno che in Italia vivono circa 60 milioni di pet, in media uno per ciascun abitante e 2,3 per ogni famiglia, di questi, i cani sono circa 7 milioni. Gli animali da compagnia favoriscono le relazioni personali e migliorano l’attività fisica dei loro proprietari. Hanno effetti benefici nelle persone più anziane, favorendo il buonumore, le relazioni personali e l’attività fisica. Grazie alla relazione con un pet, i bambini possono vincere fobie e paure, essere più responsabili e imparare a prendersi cura di un essere vivente.
È una relazione sempre più stretta e consapevole; se un tempo nella cura dei cani si improvvisava, oggi è diffusa la consapevolezza che alimentazione, controlli veterinari e una buona relazione con gli umani di riferimento non solo allungano la vita dei cani, ma restituiscono a tutto il gruppo familiare benessere e buonumore.

La giusta nutrizione

Negli ultimi 30 anni l’aspettativa di vita degli animali da compagnia è raddoppiata: il merito, oltre allo sviluppo delle cure veterinarie, è imputabile alla qualità dell’alimentazione. Il pet food industriale, la cui sicurezza è garantita da un piano nazionale di controlli ufficiali, è una scelta consigliata dai veterinari e premiante sotto il profilo della migliore qualità della vita degli animali. L’85% dei veterinari ritiene l’alimentazione industriale migliore rispetto alle razioni casalinghe e per i proprietari di cani è sempre più importante dar da mangiare ai loro amici i migliori alimenti disponibili.

Avanzi e fuoripasto
I cani sono degli osservatori attenti di quello che succede sulla nostra tavola e vorrebbero condividere il nostro cibo, di conseguenza noi a volte lasciamo cadere nella loro ciotola qualche avanzo e spesso allunghiamo qualche boccone anche durante il pasto, ma gli avanzi fanno bene ai cani?
È bene sapere che tutto quello che diamo al nostro cane come extra dieta può squilibrare la sua alimentazione perché gli alimenti pronti contengono tutto ciò di cui ha bisogno. Esagerare con fuoripasto può compromettere la sua salute (sovrappeso) e generare comportamenti assillanti, come nei cani che passano ore a elemosinare cibo sotto la tavola.
Un discorso a parte sono i fuoripasto con obiettivi funzionali, ad esempio snack per favorire l’igiene orale, o come ricompensa o, per tenere occupato il cucciolo con la masticazione. Scelti con cura e somministrati seguendo le indicazioni del veterinario o del produttore, possono essere validi alleati del suo benessere.

  • Una buona alimentazione non basta

    Il benessere fisico e quello psicologico non possono essere separati: oltre a una buona alimentazione e a cure veterinarie adeguate, i cani hanno bisogno di relazioni, attività fisica e stimoli mentali.

    Per garantire al tuo cane equilibrio e benessere, è importante creare per lui abitudini, regole da rispettare e un ambiente pulito e sicuro.

    • Una cuccia pulita dove si possa sentire al sicuro e riposare senza stress.

    • Due ciotole, una per il cibo e una per l’acqua, posizionate in un luogo definito. Il cibo va somministrato a orari regolari mentre l’acqua fresca deve essere sempre a disposizione.

    • Pettorina, o collare, e guinzaglio non devono essere fonte di stress, per questo i cuccioli vanno abituati a indossarli fin da subito.

    • Nella relazione fra cane e padrone la passeggiata è un momento importante, nell’organizzazione della giornata va previsto il tempo necessario perché durante le passeggiate il cane possa relazionarsi con altri cani e giocare con voi.